Basket: la tecnologia al servizio del tiro con SOLIDshot

Basket: la tecnologia al servizio del tiro con SOLIDshot

Un manicotto analizza il movimento con algoritmi di biomeccanica altamente ottimizzati e permette di ottenere immediati feedback anche con segnali sonori

Il manicotto per braccio SOLIDshot si presenta come una rivoluzione nell’allenamento del giocatore di basket. Si tratta dell’equivalente di un sistema motion capture a 120 fps che, grazie a tre sensori, fornisce all’atleta tutti i possibili dati sul tiro. Eseguire uno shot perfetto come fanno professionisti del calibro di LeBron James o Steph Curry non è sicuramente facile se non si hanno delle doti innate: ma con questo sistema sia il professionista che il giocatore amatoriale possono tentare di avvicinarsi alla perfezione, grazie a un vero e proprio allenatore virtuale per migliorare nel fondamentale del tiro. Un sensore è posto sul bicipite e traccia la posizione e l’orientamento del braccio e della spalla, fornendo un feedback sulla parabola della palla dopo il tiro.

 

sh1

 

Il secondo sensore è posizionato sull’avambraccio e il suo scopo è quello di capire la direzione del tiro.

 

sh2

 

Infine un terzo dispositivo di controllo è collocato sulla mano e consente di ricavare le informazioni sulla velocità di rilascio della palla e sulle dita coinvolte nel movimento.

 

sh3

 

I sensori analizzano costantemente attraverso migliaia di misurazioni e rilasciano un feedback immediato sia attraverso dei led colorati posti sul manicotto, sia con un input sonoro differente a secondo se il tiro è giusto o sbagliato. Tutti i dati raccolti vengono inviati allo smartphone attraverso una app dedicata che consente di monitorare gli andamenti degli allenamenti e verificare il miglioramento. Il sistema di calibrazione a quattro dimensioni in attesa di brevetto fornisce letture di precisione consentendo di valutare anche le minime alterazioni. Dopo quattro anni di sviluppo, SOLIDshot è pronto e commercializzato: vari test effettuati su giocatori NBA dimostrano come già dopo poche sessioni di allenamento le percentuali al tiro migliorano.

 

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0